Frequently Asked Questions - REACH / CLP / SDS

In questa apposita sezione del nostro sito sono riportate alcune delle risposte alle domande che nel corso degli ultimi anni ci sono state poste dai nostri Clienti nell’ambito della ns. attività di consulenza e formazione che riguardano i regolamenti REACH, CLP e la gestione delle Schede dei Dati di Sicurezza.

Le FAQ contrassegnate dall’acronimo “ECHA” sono la traduzione non ufficiale in italiano delle FAQ/Q&A tratte dal sito dell’ECHA che riportano la numerazione originale assegnata dall’ECHA stessa.

Abbiamo inserito quelle che ci sono sembrate più importanti in relazione alle richieste che ci pervengono normalmente dalle Aziende a cui offriamo i nostri servizi di consulenza e formazione.


Successive >>

1. [258] Dove posso trovare le versioni aggiornate delle tabelle 3.1 e 3.2 dell'Allegato VI del regolamento CLP?

2. [260] Cosa si deve fare quando si deve utilizzare una classificazione armonizzata che è contrassegnata come classificazione minima nella tabella 3.1 dell'allegato VI del regolamento CLP?

3. [262] Può un fabbricante, importatore o utilizzatore a valle presentare all'agenzia una proposta di introdurre ulteriori elementi di classificazione ed etichettatura armonizzate di una voce esistente nella parte 3 dell'allegato VI?

4. [263] Se una sostanza è soggetta a classificazione armonizzata, devo classificarla per i pericoli che non sono coperti dalla voce nella parte 3 dell'allegato VI?

5. [698] Cos’è la Piattaforma C&L?

6. [699] Come è possibile accedere alla Piattaforma C&L?

7. [700] Cosa devo fare nel momento in cui è raggiunto un accordo sulla classificazione e l'etichettatura della mia sostanza con altri notificanti?

8. [264] Se una sostanza non soddisfa i criteri di classificazione in base alle Direttiva Sostanze Pericolose, sarà quindi anche non classificata a norma del regolamento CLP?

9. [266] Nel caso in cui la classificazione per i pericoli fisici dipende dalla dimensione delle particelle di una sostanza, un fornitore dovrà classificare per tutte le dimensioni delle particelle?

10. [267] In relazione alla determinazione del rischio in caso di aspirazione di pitture e vernici: come si può convertire la viscosità derivata da misure di tempo di flusso usando una tazza di flusso a 23 °C ± 5 ° C secondo ISO 2431 nella viscosità cinematica del pitture e vernici a 40 °C?


Successive >>


 

 


1. [258] Dove posso trovare le versioni aggiornate delle tabelle 3.1 e 3.2 dell'Allegato VI del regolamento CLP?
Gli adeguamenti al progresso tecnico (ATP) del Regolamento CLP, emesso dalla Commissione Europea, forniscono tutti gli aggiornamenti per la classificazione e l'etichettatura armonizzate nelle tabelle 3.1 e 3.2 dell'allegato VI del regolamento CLP. La versione aggiornata della tabella 3.1 è inclusa nell’inventario delle classificazioni ed etichettature gestito dall'ECHA. Tuttavia, si prega di essere consapevoli del fatto che ci può essere un ritardo fino ad alcuni mesi tra la pubblicazione di modifiche /aggiunte alla tabella 3.1 nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea e la modifica dell’inventario C & L.
La banca dati CLP/GHS gestita dal Centro di ricerca comune dell’Unione Europea (in ESIS) contiene le informazioni delle tabelle 3.1 e 3.2 dell'allegato VI del regolamento CLP. Questo database non è necessariamente aggiornato, ma ogni voce indica se è stato aggiornato da un ATP. Il Centro comune di ricerca ha accettato di mantenere il database fino al luglio 2013.

Torna alle domande

 


 

2. [260] Cosa si deve fare quando si deve utilizzare una classificazione armonizzata che è contrassegnata come classificazione minima nella tabella 3.1 dell'allegato VI del regolamento CLP?
Per tenere conto pienamente del lavoro svolto e dell'esperienza acquisita nell'applicazione della DSD, tutte le classificazioni armonizzate di sostanze inserite nella DSD in precedenza sono state tradotte in classificazioni CLP armonizzate. Queste possono essere trovate nella tabella 3.1 dell'allegato VI del regolamento CLP. Per le sostanze con classificazioni armonizzate per le classi di pericolo di tossicità acuta e STOT (esposizione ripetuta), sono state assegnate classificazioni minime. Queste classificazioni minime tengono conto del fatto che la traduzione esatta dei criteri DSD nei criteri CLP non era possibile, sulla base della mancanza di dati disponibili.
I fabbricanti o gli importatori devono applicare questa classificazione minima ("classificazione con asterisco"), ma devono classificare in una categoria di pericolo più grave nei casi in cui si hanno maggiori informazioni, ad esempio, nella forma di DL50, che dimostra che la classificazione minima non è più appropriata. In altri casi la classificazione minima dovrebbe essere ulteriormente precisata in base alla tabella di conversione di cui all'allegato VII del regolamento CLP: quando lo stato fisico della sostanza utilizzata nel test di tossicità acuta per inalazione è conosciuto per il fabbricante o l'importatore, la classificazione ottenuta secondo l’allegato VII deve quindi sostituire la classificazione minima indicata nella tabella 3.1 dell'allegato VI, se c'è una differenza.

Torna alle domande

 


 

3. [262] Può un fabbricante, importatore o utilizzatore a valle presentare all'agenzia una proposta di introdurre ulteriori elementi di classificazione ed etichettatura armonizzate di una voce esistente nella parte 3 dell'allegato VI?
Sì, un fabbricante, importatore o utilizzatore a valle può presentare una proposta di introdurre ulteriori elementi di classificazione ed etichettatura armonizzate di una voce nella parte 3 dell'allegato VI del regolamento CLP direttamente all'Agenzia. Una condizione per la presentazione di tale proposta è che gli elementi di classificazione ed etichettatura armonizzate supplementari riguardino una classe di pericolo o differenziazione non ancora coperta dalla classificazione armonizzata della sostanza nella parte 3 dell'allegato VI. La procedura è descritta all'articolo 37(2) del regolamento CLP.
Nei casi in cui si propone una modifica agli elementi di classificazione ed etichettatura armonizzate esistenti di una sostanza nella parte 3 dell'allegato VI del regolamento CLP, il fabbricante, l'importatore o l'utilizzatore a valle presenta la proposta di un'autorità competente di uno Stato membro in cui la sostanza è immessa sul mercato (articolo 37 (6)).
Poiché le classificazioni armonizzate di cui all'allegato VI sono vincolanti per gli endpoint che rientrano nella voce (tranne le classificazioni minime (sezione 1.2 dell'allegato VI del regolamento CLP) indicata dal riferimento * nella tabella 3.1), non è possibile utilizzare una classificazione ed etichettatura diversa da una armonizzata finché una modifica da ATP è stata pubblicata.

Torna alle domande

 


 

4. [263] Se una sostanza è soggetta a classificazione armonizzata, devo classificarla per i pericoli che non sono coperti dalla voce nella parte 3 dell'allegato VI?
Sì, si fa. Una sostanza che è elencato nell'Allegato VI, deve essere classificata secondo la voce nella parte 3 dell'allegato VI. Inoltre, il fabbricante, l'importatore o utilizzatore a valle di tale sostanza deve effettuare una auto-classificazione ai sensi del titolo II per le classi di pericolo o differenziazioni per le quali nessuna classificazione armonizzata è contenuta nella voce nella parte 3 dell'allegato VI. Ad esempio, una sostanza può avere una classificazione armonizzata per tossicità acuta orale, ma non per la tossicità dermica acuta. Ciò significa che un fornitore avrebbe dovuto esplorare, utilizzando le informazioni disponibili, se sono soddisfatti i criteri di classificazione per la tossicità cutanea acuta, e classificare di conseguenza. Per le classificazioni armonizzate che si riferiscono alla classificazione dei pericoli acquatica categoria acuta o cronica 1 dove nessun fattore M appare nell'Allegato VI, il classificatore deve impostare un fattore M.
L’auto-classificazione può comportare nuove prove per i pericoli fisici in assenza di classificazione armonizzata e in cui, ai sensi del regolamento CLP articolo 8 (2), informazioni adeguate e attendibili non sono disponibili.

Torna alle domande

 


 

5. [698] Cos’è la Piattaforma C&L?
La Piattaforma C&L è un forum di discussione on-line, stabilito da ECHA per aiutare i dichiaranti e notificanti delle sostanze alla C&L a concordare le voci da includere nell'inventario. Molteplici diverse classificazioni sono state notificate per molte sostanze e l'articolo 41 del regolamento CLP stabilisce che "... Se la notifica di cui all'articolo 40, paragrafo 1, ha come conseguenza l'iscrizione nell'inventario C&L di più voci per una stessa sostanza, i notificanti e i dichiaranti si adoperano per concordare una voce da includere nell'inventario. I notificanti informano l'agenzia di conseguenza  ... ". La Piattaforma è una soluzione facile per i notificanti ei dichiaranti per contattare l'un l'altro e discutere la classificazione ed etichettatura delle loro sostanze.

Torna alle domande

 


 

6. [699] Come è possibile accedere alla Piattaforma C&L?
La piattaforma C & L è accessibile solo attraverso la C & L ed è accessibile solo ai dichiaranti e notificanti delle sostanze alla C & L. Quando due o più diverse classificazioni sono state notificate per la stessa sostanza, un link per accedere ad una  pagina di discussione diventa disponibile nella pagina di riepilogo per tale sostanza nel C & L. Entrando in questa pagina, gli utenti vengono guidati ad una pagina di login in cui entrano nella stanza di discussione per tale sostanza utilizzando le proprie credenziali REACH-IT di accesso. Solo i dichiaranti e notificanti che hanno presentato una notifica per questa sostanza attraverso REACH-IT possono accedere alla stanza di discussione in questione. Camere di discussione per altre sostanze non sono disponibili e devono essere accessibili attraverso le loro relative pagine di riepilogo inventario C & L.

Torna alle domande

 


 

7. [700] Cosa devo fare nel momento in cui è raggiunto un accordo sulla classificazione e l'etichettatura della mia sostanza con altri notificanti?
Quando è stato raggiunto un accordo sulla classificazione appropriata, i notificanti devono aggiornare le loro notifiche di conseguenza attraverso REACH-IT. Quando si aggiorna la notifica, gli interessati devono indicare che l'aggiornamento è il risultato di un accordo raggiunto attraverso la piattaforma C & L selezionando il segno di spunta /casella appropriata. Tutti gli strumenti di notifica sono compatibili tra di loro durante l'aggiornamento. La notifica aggiornata sarà inclusa nel C & L sui dati al successivo aggiornamento. Quando si aggiorna una notifica inviando un file di IUCLID (ad esempio l'aggiornamento di un fascicolo di registrazione), si prega di indicare che l'aggiornamento è dovuto a una modifica della classificazione e dell'etichettatura barrando la casella appropriata e parlare accordo nella piattaforma C & L nel libero campo  dedicato.

Torna alle domande

 


 

8. [264] Se una sostanza non soddisfa i criteri di classificazione in base alle Direttiva Sostanze Pericolose, sarà quindi anche non classificata a norma del regolamento CLP?
No, non necessariamente. Per una serie di rischi, i criteri di classificazione sono cambiati, ad esempio per vari pericoli fisici dove i metodi di prova che determinano i criteri di classificazione sono spesso diversi da quelli della DSD. Per altri pericoli, i limiti di concentrazione applicabili per tener conto della classificazione dei suoi costituenti, additivi e impurezze contenute nella sostanza sono cambiati, ad esempio per l'irritazione e la corrosione. Ciò significa che, nel caso in cui non ci sono informazioni/test affidabili sulla sostanza nel suo insieme ed i principi ponte non possono essere applicati, l'uso delle regole di calcolo applicando limiti di concentrazione può portare ad una classificazione CLP, anche se la stessa sostanza non è stata classificata a norma della DSD.

Torna alle domande

 


 

9. [266] Nel caso in cui la classificazione per i pericoli fisici dipende dalla dimensione delle particelle di una sostanza, un fornitore dovrà classificare per tutte le dimensioni delle particelle?
No, questo non è necessario. Un fornitore dovrà solo classificare la sostanza nella forma in cui sta per essere immessa sul mercato e in cui si può ragionevolmente prevedere che sarà utilizzata. Poiché la dimensione delle particelle può avere un effetto significativo sul risultato del test, dovrebbe essere esplicitamente indicato nel rapporto di prova per il rischio corrispondente la dimensione delle particelle. Ciò non significa che diverse classificazioni devono essere effettuate in modo da coprire diverse dimensioni delle particelle della stessa sostanza. Ciò significa che la classificazione in base alle dimensioni delle particelle che viene immessa sul mercato deve essere fornita. Nei casi in cui diverse dimensioni delle particelle sono immesse sul mercato o in cui la dimensione delle particelle può essere modificata durante il trasporto o lo stoccaggio, deve essere utilizzato un approccio considerando il caso peggiore. Questa norma implicherebbe una classificazione basata sulla verifica della dimensione più piccola delle particelle che potrebbe verificarsi.
Se la dimensione delle particelle è rilevante per la classificazione e la manipolazione e l'uso, questo dovrebbe essere menzionato nella scheda di dati di sicurezza. Informazioni sulle classificazioni devianti a causa di diverse dimensioni delle particelle dovrebbe essere menzionata anche nella scheda di dati di sicurezza.

Torna alle domande

 


 

10. [267] In relazione alla determinazione del rischio in caso di aspirazione di pitture e vernici: come si può convertire la viscosità derivata da misure di tempo di flusso usando una tazza di flusso a 23 °C ± 5 ° C secondo ISO 2431 nella viscosità cinematica del pitture e vernici a 40 °C?
Secondo il CLP, i criteri di classificazione per il rischio in caso di aspirazione richiedono la determinazione della viscosità cinematica mentre la viscosità in base al tempo di flusso non è parte dei criteri di classificazione. La norma ISO 2431 contiene le correlazioni tra tempo di scorrimento e la viscosità cinematica. Tuttavia, non vi è alcuna correlazione generale che descrive la dipendenza dalla temperatura della viscosità, e il giudizio di un esperto è necessario.

Torna alle domande

 


 


Sei nella pagina: Approfondimenti F.A.Q.